Olimpiadi in onore di San Domenico Savio!

Nella settimana dal 3 maggio al 7 maggio si sono celebrate le giornate delle Savioniadi in onore di San Domenico Savio. Organizzate dal Centro di Formazione Professionale, hanno visto coinvolti i giovani dell'Opera Salesiana, in diverse specialità sportive, grazie al contributo di formatori, giovani del Servizio Civile Universale e ragazzi del quarto anno.

San Domenico Savio è il giovane santo plasmato da Don Bosco nel primo oratorio di Valdocco a Torino. Già da bambino decise che il suo progetto sarebbe stato quello di diventare santo e in questo fu decisivo l’incontro con don Bosco. Da quel momento infatti la sua esistenza fu piena d’amore e carità verso il prossimo, cercando sempre di dare il buon esemprio di vita cristiana.

Nel 1856, insieme ad alcuni compagni, fondò la Compagnia dell'Immacolata e poco più tardi morì quasi quindicenne, divenendo così il più giovane santo non martire della Chiesa.

Le Savioniadi hanno l’intenzione di far rivivere la spiritualità salesiana praticata da San Domenico Savio: far consistere la santità nello stare sempre allegri e nel compiere bene il proprio dovere. Grazie all’allegria il santo fu un autentico trascinatore dei suoi compagni che ben presto cominciarono ad imitarlo.

Nelle savioniadi  i ragazzi di prima superiore si cimentano in diverse discipline sportive, rivivendo lo stile dell’allegria e la gioia dello stare insieme. In questo modo scoprono nella spiritualità salesiana un modo nuovo e affascinante di stare con il Signore.

Quest’anno la formula usata ha subito una variazione a causa della pandemia e le classi hanno dovuto cimentarsi in competizioni singole, i cui punteggi venivano confrontati in un unico tabellone. Nonostante ciò, grazie al contributo di tutti, l'attività non ha registrato alcun problema. L’unica sorpresa lieta per gli organizzatori è stata la gioiosa e coinvolgente partecipazione dei nostri allievi, segno evidente che San Domenico Savio ci sa ancora fare con i nostri ragazzi.


Stampa   Email